TESTO INTRODUTTIVO ALLA MOSTRA

E : ALLORA

Ceramica, installazione di Szilvia Ortlieb Veronika Thurin

Szilvia Ortlieb e Veronika Thurin si esprimono, oltre che attraverso la passione comune per l'argilla e la porcellana, anche attraverso la presentazione delle loro opere sotto forma di installazioni e gruppi di opere. Nonostante una base concettuale, le due artiste trasmettono forti impressioni sensoriali e riescono a sorprendere i visitatori con una voglia innata di sperimentazione e ingegnosità. La Galleria Gefängnis Le Carceri offre, sia in contesto di spazio che di contenuti, un punto di riferimento molto interessante per le opere presentate.

 

Veronika Thurin presenta tre gruppi di opere basate sui temi centrali del suo lavoro che possono essere lette anche come critica sociale. La libertà di scelta, i sistemi di valore e la manipolazione sono i pensieri centrali delle sue opere - sempre relazionate tra loro nei contenuti, ma presentabili e fruibili anche singolarmente.

Le carceri in questo caso sono interpretate anche come una traduzione visiva di una prigione interiore e riescono a presentare l’interesse dell'artista per temi filosofici e psicologici.

 

E : ALLORA, ma senza questione o punto di domanda. Rimane soltanto come suono fonetico che guida il visitatore attraverso la mostra, portando alla luce un concetto di apertura e collegando tra loro i lavori di entrambe le artiste.

 

Szilvia Ortlieb è una scultrice che lavora preferibilmente con la porcellana. L’artista invita i visitatori a prendere parte alla sua ricchezza di esperienza affrontando temi scultorei ricollegabili alla struttura e allo spazio, al tempo e alla luce, resi visibili sotto vari aspetti in tutte le sue opere. In questa mostra, Ortlieb presenta opere completamente contrapposte tra loro: blocchi di sculture, sotto forma di pile di carta imbevute di porcellana, che al contempo uniscono in sé concetti di struttura e di fragilità, poste accanto a sculture di grandi dimensioni simboleggianti lo sconfinamento. Gli oggetti di vita quotidiana vengono privati del loro significato e della loro funzione originaria e sono collocati in un contesto completamente nuovo. Anche in questo caso si manifesta un approccio prettamente filosofico che getta una nuova luce sulla realtà, così come pensiamo di conoscerla.

IT 39052 Kaltern - Pater Bühel | Caldaro - Colle dei Frati 

Steuernr. | codice fiscale 94111020213 

T. +39 342 3727854  E-Mail: info@gefaengnislecarcerigalerie.it  www.gefaengnislecarcerigalerie.it

 

Privacy Policy  DE | IT    Cookies Policy  DE | IT

Foto ab/dal 2016 © Nora Sölva

© 2006 - 2018 Gefängnis Le Carceri - powered by puff. All rights reserved.