TESTO INTRODUTTIVO ALLA MOSTRA

Viso e Corpo

Pittura di Mark Karasick Christian Reisigl

Quando l’arte rivolge la propria attenzione all’essere umano, la sua presenza nell’immagine diviene fisica: compare come corpo o come viso, e spesso come unità tra viso e corpo. Entra così in gioco una dimensione prettamente esistenziale e si insinua nel quadro mettendo in scena viso e corpo in modo rappresentativo, esplorandoli sperimentalmente o attribuendo loro valore simbolico.

 

La mostra pittorica di Mark Karasick e Christian Reisigl è dedicata a questo tema del corporeo estremamente attuale. In prima istanza la mostra esamina viso e corpo come posizioni opposte ma complementari tra loro. Ben presto però rivela un loro dialogo incentrato sul rapporto tra immagine, corpo e soggetto.

 

Nella sua serie di opere ad encausto, Mark Karasick mostra volti che impiegano l'urlo come citazione dalla storia dell'arte o del cinema. Resta irrisolta la questione, se la bocca spalancata sia dovuta a spavento o disprezzo, o rappresenti una maschera da strappare dal volto come un’immagine dipinta. In entrambi i casi è l’astrazione del pensiero a prevalere, che così separa il volto dal corpo e dalla persona fino a farla diventare essa stessa elemento fisico. In questo modo l’artista rende il viso al corpo e intensifica l'espressione di smarrimento attraverso un linguaggio corporeo che comprende testa e corpo.

 

Christian Reisigl, al contrario, omette completamente il volto come tema o soggetto ed incentra la sua pittura sul corpo umano. Le figure penetrano nell’immagine in posizioni ritorte e contorte, abbandonando con discrezione la loro posa drammatica per quella pittorica, riportando così lo sguardo all’interno dell’immagine. Lo spazio, che crea per lo spettatore la distanza tra immagine e oggetto, è implicato al punto da modificare la percezione di vicinanza e distanza e fa tendere al dissolvimento dei confini tra immagine e corpo in un atto pittorico tangibile. Chi o cosa vedo quindi quando guardo in viso l’immagine del corpo?

IT 39052 Kaltern - Pater Bühel | Caldaro - Colle dei Frati 

Steuernr. | codice fiscale 94111020213 

T. +39 342 3727854  E-Mail: info@gefaengnislecarcerigalerie.it  www.gefaengnislecarcerigalerie.it

 

Privacy Policy  DE | IT    Cookies Policy  DE | IT

Foto ab/dal 2016 © Nora Sölva

© 2006 - 2018 Gefängnis Le Carceri - powered by puff. All rights reserved.